“Bello e… impossibile”, l’ambiente curato dai cittadini

0
306

LECCE (di Valentina Anglani) – Le iniziative per la pulizia della città di Lecce hanno coinvolto domenica scorsa, 10 novembre, dalle 9:00 alle 16:00 persone di tutte le età nel rione Agave, periferia est del capoluogo salentino. Una zona che i ragazzi della parrocchia di Santa Lucia e il gruppo scout Lequile1, si sono impegnati a ripulire in tre giornate. Artefice di questo progetto “Bello e… impossibile è l’associazione Pr.Aga. APS, in collaborazione con il Comune di Lecce e con la Regione Puglia.

Gli organizzatori hanno offerto anche un pranzo a tutti i partecipanti in una giornata all’insegna della bellezza della natura e della cura degli spazi verdi, anche attraverso giochi organizzati dagli scout, per riproporre la sana abitudine di divertirsi all’aperto, sempre nel rispetto dell’ambiente.

Ormai il problema ambientale è una vera e propria emergenza: è stato riscontrato un aumento di rifiuti sui fondali marini italiani, di cui il 77% è rappresentato da plastica. Ogni giorno il fiume Po trasporta 11 tonnellate di microplastiche nell’Adriatico. A Manduria, provincia di Taranto, un incendio ha bruciato un intero impianto di compostaggio di rifiuti. Per non parlare di tutte le città, i parchi e le spiagge dove la spazzatura ricopre l’intero territorio.

Siamo arrivati quindi ad un punto in cui non è più sufficiente manifestare e parlare di ecologia, occorre necessariamente iniziare ad impegnarsi tutti in prima persona per migliorare la situazione. Le previsioni per il futuro della terra sono veramente drammatiche, se non si attuano rapidi cambiamenti è stimato un aumento di più di 3°C in questo stesso secolo. Ciò renderebbe il mondo quasi invisibile e poterebbe alla scomparsa delle città che sorgono sul mare, a causa dello scioglimento dei ghiacciai.

È perciò necessario appoggiare e partecipare a queste iniziative in cui anche i più giovani si impegnano nella pulizia di aree verdi e spiagge, prendendo esempio da quanti si impegnano in prima persona nella salvaguardia dell’ambiente che ci circonda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here