L’Istituto si presenta

0
966

L’Istituto Tecnico Nautico è stato istituito nel 1960, quale sezione staccata dell’Istituto “Carnaro” di Brindisi e successivamente, divenuto autonomo con D.P.R. n 1175 del 21 febbraio 1972, fu intitolato al famoso navigatore fiorentino Amerigo Vespucci.

L’odierno I.I.S.S. “A. Vespucci” nasce nell’a.s.1998/99 dall’unione, sotto un’unica dirigenza, dell’Istituto Tecnico Nautico e dell’Istituto Tecnico Commerciale di Gallipoli, precedentemente sezione staccata dell’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Vanoni” di Nardò.

Il corso di studi Tecnico ad indirizzo Turistico è attivo dall’a.s. 1999-2000 e affonda le sue radici in una cultura del turismo e dell’accoglienza che è propria della nostra terra e delle nostre genti.

Dall’anno scolastico 2012-2013 è confluito nel Vespucci anche l’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali con sede a Collepasso.

Attualmente l’IISS “Amerigo Vespucci” vede per le sedi di Gallipoli la presenza del settore Tecnico con i tre indirizzi: Economico Aziendale, Economico Turistico ed Tecnologico Nautico, mentre per la sede di Collepasso la presenza del settore Professionale per i Servizi Commerciali.

Nel Vespucci si fondono i comuni tratti professionali e tecnici, ma si mantengono le fondamentali peculiarità d’indirizzo.

Si vogliono ricordare le attività più importanti già svolte: partecipazione alle Colombiadi del 1992con un equipaggio che, a bordo del veliero “Idea Due”, è giunto fino a New York per prendere parte alle celebrazioni in onore di Colombo; nel maggio ’96, in occasione della III Veglia dei Piccoli della Terra, una rappresentanza degli allievi ha portato via mare fino al porto francese di Sete il messaggio dei popoli del Sud del mondo ai rappresentanti del G7 riuniti a Lione; nell’ambito del Progetto Socrates ha partecipato, per  anni nel 1998, nel 2000, nel 2004 nel 2005  allo scambio di viaggi studio con due college di Londra; creazione di imprese formative simulate. Nel 2005 ha organizzato la XX Ed. della Coppa Primavela, evento simbolo della vela giovanile e della promozione dello sport velico alle nuove generazioni che riguardò tutte le categorie veliche giovanili ed impegnò uno staff di oltre 100 persone, 595 partecipanti e 445 barche. Nell’a.s.2013/2014 le Associazioni di Classe (IWA e AICW) e la FIV hanno designato l’Istituto ed in particolare la Sezione Vela per l’organizzazione del Campionato Mondiale Formula Windsurfing.

Le professionalità educative che operano nell’Istituzione sono orientate all’innovazione nel settore della didattica e della professionalizzazione degli studenti in un un’ottica di aggiornamento e formazione continui.

Le indicazioni della più recente Riforma della Scuola Secondaria sono state recepite e attuate con l’elaborazione di una progettazione didattica per competenze che articola la normativa internazionale STCW affinchè si possa offrire alle studentesse e agli studenti l’apprendimento sviluppando tutti gli assi culturali e tutti gli indirizzi professionalizzanti.

Con il medesimo obiettivo il corpo docente affronta l’insegnamento delle discipline dell’ultimo anno di corso in lingua inglese (CLIL) e l’applicazione aggiornata delle tecnologie informatiche. 

In tutte le strutture è possibile per gli studenti sperimentare una reale didattica esperienziale. Le sedi sono infatti dotate di laboratori di Macchine, Navigazione e Meteorologia, Elettrotecnica, Fisica, Chimica, Informatica, la Biblioteca e il Planetario per lo studio dell’Astronomia.

Merita particolare menzione la possibilità di attuare attività-esperienze di navigazione grazie alla presenza di una piccola flotta le cui principali imbarcazioni sono descritte nella sezione “Risorse e laboratori” .

Ogni anno l’Istituto attribuisce grande rilevanza al progetto di Alternanza Scuola  Lavoro che avvia all’esperienza diretta delle professioni.

L’Istituto, in ottemperanza delle Indicazioni Nazionali, sviluppa percorsi educativo-didattici personalizzati sulle esigenze di tutti gli studenti con particolare attenzione alla politica dell’inclusione e dell’accoglienza.

Il Collegio dei Docenti prevede un nucleo di professionalità specializzate nella pratica dell’inclusione che si articolano nel GLIH e nel GLI. I Docenti di sostegno come parte operativa di ogni Consiglio di Classe attivano piani educativi personalizzati in collaborazione con tutti i Docenti.

A seconda delle necessità la scuola attiva corsi di recupero e sportelli didattici. Questa pratica consente una costante attenzione ai processi di apprendimento per le diverse necessità degli alunni. Sempre nella prospettiva della personalizzazione, la Scuola sostiene e incentiva le eccellenze. Inoltre alla chiusura del primo quadrimestre è prevista una settimana di fermo didattico in cui tutti ripassano e approfondiscono gli argomenti fondamentali. Per gli allievi che allo scrutinio di giugno ricevono la sospensione del giudizio sono attivati corsi di recupero durante le vacanze estive e ottengono l’assegnazione di un mirato lavoro individuale. 

L’Istituto è anche Test Center ECDL. Gli esami per il conseguimento della Patente europea del Computer si svolgono nelle sue aule di informatica.

LEGAME DEL VESPUCCI CON LA CITTA’ DI GALLIPOLI

La storia di Gallipoli è in gran parte la storia del suo rapporto con il mare. Da sempre la vita, l’economia, la cultura ed il potere di questa città, la sua stessa ragione di esistere e di svilupparsi sono state fortemente intrecciate alle capacità e alle possibilità di andare per mare. Un rapporto stretto che, come tutti i legami troppo intensi, ha generato uno smisurato amore ed un immenso affetto per tutto ciò è legato alla città.

Un popolo di pescatori, da sempre.

E’ evidente che la conoscenza dell’arte del navigare, tramandata nel corso dei secoli attraverso la pratica dell’apprendistato, di solito all’interno di gruppi familiari, è coincisa molto spesso con l’arte del vivere. Man mano però che l’arte dell’andare per mare si sviluppava e progrediva, sì da diventare scienza, sempre più il popolo gallipolino avvertiva l’esigenza di avere una Scuola.

Le vicende della Scuola si sono strettamente intrecciate con quelle della città e del territorio circostante, es­sendo essa rimasta, per un cinquantennio, l’unica istituzione scolastica superiore del circondario.